Apicoltore : l’ Abruzzo semplifica gli Adempimenti Sanitari

Immagine di uno smielatore
La definizione di “produttore di miele” è generica e può risultare, talvolta, fin troppo onerosa per un semplice apicoltore: specie quando si parla di “Pacchetto Igiene” e dei relativi adempimenti in materia di produzione e commercializzazione di alimenti di origine animale, diventa quindi indispensabile stabilire la vera natura e l’indirizzo produttivo di un’azienda apistica. Partendo da queste considerazioni, la Regione Abruzzo ha individuato nella categoria “Allevatori di Api” ben quattro distinte tipologie aziendali: coloro che non producono miele perché si limitano all’allevamento delle api per la formazione di sciami o per finalità di ricerca scientifica; i produttori di miele per autoconsumo, con un limite di 10 alveari; i produttori di piccoli quantitativi di miele, fino a 30 alveari; i produttori di miele, con un numero di alveari superiore a 30. Per ciascuna di queste figure, naturalmente, sono previste diverse tipologie di adempimento sul fronte igienico-sanitario con procedure semplificate per la registrazione e il riconoscimento delle attività del settore alimentare. E’ quanto ha stabilito l’Assessorato alla Sanità che ha stilato “ Il Libro delle Regole ” pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Abruzzo n. 41/2011: un vero e proprio prontuario che descrive dettagliatamente l’intero processo della sicurezza alimentare, nel rispetto di ciò che la normativa comunitaria sul “Pacchetto Igiene” impone, dai campi alla tavola. Va dato atto, alla Regione Abruzzo e ai dirigenti dell’Assessorato alla Sanità, di aver tenuto nella debita considerazione le proposte emerse in seno al tavolo regionale sulla “Sanità Apistica”, sollecitato da FAI Abruzzo , articolazione territoriale della Federazione Apicoltori Italiani. L’adozione di questo provvedimento costituisce senza dubbio un modello di riferimento per le altre Regioni italiane che, sulla materia, non hanno ancora intrapreso la strada del confronto costruttivo con le Organizzazioni di rappresentanza del mondo apistico. Sempre in materia di apicoltura, infine, nel “ Libro delle Regole ” troviamo anche novità in merito al Piano Regionale Residui che ha inserito la ricerca di Amitraz (principio attivo di alcuni acaricidi impiegati nella lotta alla varroasi, ndr) e di metaboliti dei nitrofurani nel miele (classe di antibiotici, impiegata nel controllo della peste americana, ndr).