1953 - 2019Da oltre 60 anni al servizio dell'Apicoltura Italiana.

"Il mio non sol, ma l'altrui ben procuro."

Finanziaria 2017: Piccoli Agricoltori e Apicoltori trattati da evasori

Immagine del Presidente del Consiglio Matteo Renzi -  © Foto Agenpress
Sarà il regalo di Natale di questo indimenticabile 2016: prepariamoci a dire addio al Regime di Esonero.
Con l’entrata in vigore del decreto legislativo 193/2016, adottato nel quadro della Manovra Finanziaria 2017 e approvato il 21 ottobre 2016, risultano ora approvate le “Misure urgenti in materia di recupero dell’evasione IVA”.

Più precisamente, a seguito di tale provvedimento, è stato introdotto l’obbligo trimestrale della comunicazione dei dati relativi alle fatture emesse e ricevute da effettuare mediante invio telematico all’Agenzia delle Entrate.
Dovranno essere comunicati i dati identificativi dei soggetti coinvolti nella transazione commerciale, la tipologia dell’operazione, la base imponibile e l’aliquota applicata, la data e il numero della fattura. 

Sono previste sanzioni da 25 a 25.000 Euro per omessa o errata trasmissione di ogni fattura e da 5.000 a 50.000 Euro per omessa o incompleta comunicazione della liquidazione periodica.
Sono ricompresi, ai fini di tale adempimento, anche i soggetti finora esonerati e/o passivi non tenuti alla presentazione della dichiarazione annuale IVA o all’effettuazione delle liquidazioni periodiche.
Cesserebbe di fatto il regime di esonero per i cosiddetti “piccoli produttori” con volume d’affari inferiore ai 7.000,00 Euro e che già nelle passate legislature proprio la FAI aveva contribuito a preservare nell’interesse degli Apicoltori.
Posto che il Decreto Legislativo dovrà essere convertito in Legge entro il 23 dicembre 2016, tenuto conto del danno enorme che una tale previsione normativa arrecherebbe all’intero comparto apistico nazionale - anche al fine di scongiurare ingiustificati e vessatori adempimenti burocratici, nuovi costi aziendali e ulteriori complicazioni sul fronte tributario e fiscale – ci sentiamo in dovere di rappresentare a nome della FAI, delle proprie Associate e di tutte le Apicoltrici e gli Apicoltori iscritti, l’opportunità di avviare procedure emendative a tale provvedimento che - lo ripetiamo - come Apicoltori, possiamo altrimenti considerare devastante del tessuto economico e sociale del nostro comparto produttivo.
Diamoci da fare, il regime di esonero in agricoltura è un diritto che non riguarda solo gli apicoltori ma tutti i piccoli agricoltori. Questa norma va cancellata!

© Foto Agenpress