1953 - 2019Da oltre 60 anni al servizio dell'Apicoltura Italiana.

"Il mio non sol, ma l'altrui ben procuro."

La FAI al Festival della Gastronomia: Miele Italiano stellato!

Apre i battenti a Roma il Festival della Gastronomia che ospita anche la FAI-Federazione Apicoltori Italiani con uno spazio istituzionale dedicato alla promozione dell’ape italiana e del suo divino nettare: il miele stellato. L’evento si svolge nella originale cornice delle Officine Farneto, accanto alla Farnesina, dove si avvicenderanno chef emergenti e chef stellati interessati a sperimentare nuovi percorsi gastronomici che nel miele di alta qualità vedono un ingrediente ormai sempre più ricercato. Una presenza ancor più motivata, quella della FAI, dalla contemporanea mostra “Food&Art”, cibo e arte, allestita dal pittore Giampaolo Atzeni che ha voluto essere insieme agli Apicoltori, integrato nel loro spazio e determinato nel sostenerne l’azione organizzativa. In quasi tutti i quadri di questo Artista è presente un’immagine legata alla terra e ai suoi prodotti, al cibo o alla tavola: mele, banane, ciliegie, ma anche alimenti cucinati come i dolci. E poi tavole imbandite, tazze, teiere. Ma anche animali, come la mucca, il maiale o la gallina. Senza mai trascurare il dettaglio dell’infinitamente piccolo, che nell’ingrandimento svela la grande visione comune: come l’ultima opera che Giampaolo Atzeni dedica all’ape. Madre insostituibile e indifesa, in preda ai deliri dell’uomo moderno: una tela totemica, che l’artista donerà, nel corso della manifestazione, alla Federazione Apicoltori Italiani. L’ha intitolata “Regina Mundi”, perché porta con sé la missione che è propria dell’ape: fecondare progetti futuri, aiutare i bambini più bisognosi fino a che diano buoni frutti. Una missione sociale e benefica, ispirata al mondo delle api e all’azione di tutela e salvaguardia che la FAI svolge ininterrottamente e spaziando in tutti i campi: dalla società civile alle Istituzioni, passando ora anche nella dimensione artistica e creativa perché il messaggio della difesa dell’ape italiana arrivi ad un pubblico più ampio e diversificato, utilizzando un linguaggio comprensibile a tutta l’opinione pubblica.