1953 - 2019Da oltre 60 anni al servizio dell'Apicoltura Italiana.

"Il mio non sol, ma l'altrui ben procuro."

ULTIMORA - Aethina tumida: in Francia un allarme sui “social”

E’ di poche ore fa la notizia, circolata sui social e in attesa di essere ufficialmente confermata, del ritrovamento in Alsazia del piccolo coleottero dell’alveare. L’evento, segnalato lo scorso 27 aprile dai servizi veterinari - che in Francia, occorre ricordarlo, sono dipendenti dal Ministero dell’Agricoltura e non da quello della Sanità come invece accade in Italia – sarebbe riconducibile a una sospetta importazione di api regine provenienti dall’Argentina.
Le Autorità sanitarie avrebbero intanto sequestrato gli alveari dell’apicoltore che aveva acquistato un consistente quantitativo di regine provenienti dal mercato sudamericano.
Sono attese a giorni le risultanze dei controlli sulla fondatezza di questa notizia sulla presenza in Alsazia di Aethina tumida, posto che ci troviamo nella zona nord-est del territorio francese, al confine con Germania e Svizzera: un’area geografica densamente popolata di alveari.
Restano i dubbi sul fatto che l’Argentina non è un paese con presenza di Aethina tumida, potrebbe quindi trattarsi di una importazione triangolata di api regine.
Esattamente la stessa ipotesi che fu fatta all’epoca dell’ingresso in Italia, senza che poi le Autorità sanitarie riuscissero a ricostruire la via di introduzione del parassita nel nostro Paese.