1953 - 2020Da oltre 60 anni al servizio dell'Apicoltura Italiana.

"Il mio non sol, ma l'altrui ben procuro."

APICOLTURA E CORONAVIRUS: CHI SI SPOSTA DEVE FARE COSÌ

A seguito dei provvedimenti adottati dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, in particolare i Decreti dell'8 e del 9 Marzo 2020, con i quali si dispongono limitazioni alla movimentazione delle persone nell'ambito della originaria "Zona Rossa" (Lombardia e 14 Province limitrofe) ora estesa a "Zona di Protezione" (intero territorio nazionale), anche gli Apicoltori che d'ora in avanti avranno la necessità di recarsi ripetutamente presso i propri Apiari sono tenuti a rispettare le procedure previste dall'Autorità competente. Più precisamente, a fronte delle ordinarie attività di allevamento che ci vedono impegnati nella conduzione degli Alveari all'uscita dall'inverno e alla contestuale e delicata fase di predisposizione degli Apiari alla stagione produttiva ormai imminente, desideriamo chiarire quanto segue:
• gli spostamenti degli Apicoltori sul territorio nazionale sono da motivarsi in ordine a "comprovate esigenze lavorative", "situazione di necessità" e "rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza";
• tali motivazioni sono da documentare attraverso l'apposito modulo di autocertificazione predisposto dal Ministero dell'Interno (Allegato 1), che potrà essere fornito al momento del controllo anche da parte dell'Operatore delle Forze dell'Ordine;
• l'interessato allo spostamento dovrà inoltre esibire una ulteriore autocertificazione comprovante il proprio stato di "Apicoltore" (Allegato 2), accompagnata dal modulo di iscrizione alla BDA (Anagrafe Apistica Nazionale), con l'evidenza del proprio Codice Aziendale, delle postazioni in cui sono presenti gli alveari, dei propri dati personali;
• è preferibile che l'Apicoltore predisponga tutta la documentazione per tempo, al fine di una più rapida procedura di verifica e controllo ai posti di blocco che dovesse incontrare durante i propri spostamenti.
Va infine precisato che, con Nota DGSAF 5086 del 2 Marzo 2020 (Allegato 3), il Ministero della Salute chiarisce già che nelle zone in restrizione (ormai sull'intero territorio nazionale) non possano essere differite le attività produttive e zootecniche (accudimento e gestione degli animali presenti in impianti zootecnici e di ricovero). Nel contesto dell’emergenza in atto, pertanto, la FAI-Federazione Apicoltori Italiani invita tutte le Sedi territoriali, le Associazioni aderenti e gli Apicoltori singoli a collaborare con le Forze dell’Ordine ai fini di un ordinato svolgimento delle procedure di controllo degli spostamenti e nel pieno rispetto della legalità.

Allegato 2 – Autocertificazione Apicoltore iscritto alla BDA
Allegato 3 – Circolare Attività Veterinarie MinSalute