1953 - 2020Da oltre 60 anni al servizio dell'Apicoltura Italiana.

"Il mio non sol, ma l'altrui ben procuro."

Apitalia 1-2/2020

Apitalia inaugura la nuova annata editoriale dedicando la copertina ad un’opera d’arte di gran pregio abilmente rivisitata, in chiave apistica, dal Cav. Giuseppe Lega per il calendario apistico 2020 dell’Azienda che da oltre 80 anni è al servizio degli apicoltori.
Ci lasciamo alle spalle un’annata apistica difficile e far ripartire l’apiario richiede ora particolari impegni: dal controllo delle scorte alla valutazione della forza delle famiglie, dal blocco di covata invernale all’accurata pulizia di tutti i materiali. Sperando in una primavera che meriti di essere chiamata tale, Apitalia vi guida ai lavori di questa anomala stagione.
I cambiamenti climatici condizionano la produttività delle fioriture mellifere: sono meccanismi complessi, che descriviamo nello speciale curato da un’illustre botanica. Serve la scienza per comprendere le difficoltà dell’ape, ma c’è bisogno di uno sforzo corale per
ricostruire gli ecosistemi.
Sulle malattie delle api non si finisce mai di imparare: un importante studio scientifico ribalta l’errata convinzione secondo la quale la varroa si nutriva dell’emolinfa di fuchi e operaie. Ora sappiamo che non è vero ed è lecito aspettarsi dalla ricerca terapie più efficaci.
E che dire dell’alimentazione supplementare? La flora intestinale dell’ape mellifera è un mondo delicato e la somministrazione di integratori probiotici può scatenare effetti controproducenti per la salute delle colonie. Ecco perché nutrire l’alveare è una scelta che richiede grande cautela.
Nelle pagine centrali di Apitalia gli abbonati troveranno un piccolo ma utile omaggio: il calendario 2020, che siamo certi verrà ospitato negli ambienti di lavoro dei nostri più affezionati lettori.
L’Editoriale ci apre gli occhi sui fatti di maggiore attualità apistica: nelle linee guida per una
sana alimentazione il miele viene definito “privo di valore nutrizionale”. Un’amara stroncatura, che rischia di bloccare l’incremento dei consumi di miele di cui tutti avremmo bisogno: Apitalia porta all’attenzione dell’intera filiera apistica nazionale un fatto grave e dinanzi al quale non si può rimanere indifferenti.
La nostra formula è dichiarata: Apicoltura, Agricoltura, Ambiente, ingredienti che mescoliamo per soddisfare la sete di sapere di chi sta dalla parte dell’ape italiana.