1953 - 2747Da oltre 60 anni al servizio dell'Apicoltura Italiana.

"Il mio non sol, ma l'altrui ben procuro."

APITALIA 3-2020

Corrono tempi duri per tutti, il Covid-19 ci ha cambiato lo stile di vita. La Redazione di Apitalia è sempre attiva, operiamo anche noi in smart working e manderemo avanti ogni cosa.
 
Passiamo ora in rassegna il numero 3/2020, che da tempo è già nelle case degli abbonati. Per coloro che non l’hanno ancora ricevuto, visto il trambusto che regna in alcuni territori della Penisola, il numero è integralmente consultabile al link a fine notizia.
 
Il miele? Meglio consumarne poco, in fondo è solo zucchero... E’ quello che pensano al Centro di Ricerca Alimenti e Nutrizione del Ministero delle Politiche Agricole, che asseriscono che il consumo di miele “è una scelta di gusto e non di salute”, sconvolgendo le nostre buone abitudini alimentari e contraddicendo autorevoli studi scientifici. Apitalia documenta il caso, è necessario che il settore ne prenda coscienza.
 
Tra i lavori da dedicare all’apiario, il focus comune va alla prevenzione della sciamatura e al controllo della covata. Con andamenti climatici alternanti i nostri alveari sono pronti per la ripartenza primaverile ed è per questo che le pagine dello speciale sono dedicate al bilanciamento delle famiglie, all'eliminazione dei favi vecchi e al ricambio delle regine. Un vero e proprio vademecum su come ci si prepara al primo raccolto di miele della stagione.
 
L'allevamento delle api regine è probabilmente il ramo dell'apicoltura più complesso e delicato ma che, se padroneggiato, può assicurare autonomia e una nuova fonte di reddito all'azienda apistica. Un apicoltore professionista ci dice come ci si organizza per le esigenze del nostro apiario.
 
La disastrosa vicenda degli incendi scoppiati in Australia è stato l'argomento principale degli organi di informazione internazionali. Tanti alveari e interi habitat di flora apistica sono andati distrutti: nel nostro servizio facciamo il punto della situazione, tra stima dei danni e progetti di ripristino ambientale.
 
Una ricerca condotta dalla prestigiosa università del Texas, negli USA, ha scoperto che particolari ceppi di batteri modificati geneticamente danno ottimi risultati nella lotta alla varroa e al virus delle ali deformi. Ma c'è chi non è convinto dell’efficacia di tale intervento: abbiamo sentito il parere dei ricercatori favorevoli e di quelli contrari.
 
Sempre denso di insegnamenti utili il viaggio alla scoperta delle interazioni fra un'alimentazione supplementare e la flora intestinale dell'ape. Una serie a puntate che sta svelando particolari inediti sul delicato equilibrio che c’è nell’apparato intestinale delle api e che come quello dell’uomo regola le difese immunitarie.
 
L’editoriale di Apitalia, infine, sempre documentato e d’attualità. La Direttiva europea (n. 2001/110/CE) attualmente in vigore che non garantisce i consumatori sull'origine del miele. È per questa ragione che il Consiglio dei ministri agricoli europei valuta la proposta di menzione obbligatoria dell’indicazione del Paese d’origine e la percentuale dei mieli miscelati. Il dibattito è aperto, la questione non finisce qui.