1953 - 2018Da oltre 60 anni al servizio dell'Apicoltura Italiana.

"Il mio non sol, ma l'altrui ben procuro."

La sostituzione della regina

Immagine con i codici per la marcatura delle regine
La sostituzione della regina è un’operazione abbastanza semplice ma questo non vuol dire senza regole infatti, a seconda della stagione, della forza dell’alveare, del motivo per cui si sostituisce la regina occorre attuare degli accorgimenti per assicurarsi che tutto proceda per il meglio.
Innanzi tutto occorre precisare che le regine da introdurre devono esere in fase di deposizione se non intensa per lo meno abbondante, questo ci assicura una forte produzione d'ormone reale ed una più facile accettazione.
Il caso più semplice è rappresentato dalla sostituzione di una regina poco efficiente, in termini di deposizione, a causa dell’età. In questo caso l’ormone reale circolante, pur non essendo abbastanza poco da indurre le api alla sostituzione spontanea, non è molto; per questo la nuova regina viene accettata con facilità e può essere introdotta al momento stesso dell’eliminazione della vecchia, sempre tramite gabbietta e senza api accompagnatrici.
Il caso più difficile è rappresentato dalla sostituzione di una regina in piena deposizione anche se non molto giovane, per il motivo di introdurre un nuovo ceppo o perché produce api aggressive o altro; in questo caso l’ormone circolante è in quantità elevata e permane per qualche giorno dopo l’eliminazione della regina pertanto è consigliabile aspettare qualche giorno, prima dell’introduzione della nuova regina, inoltre è bene che essa sia accompagnata da alcune api le quali, durante il periodo di adattamento nella gabbietta, fanno da tramite con le api dell’alveare favorendo la distribuzione del nuovo ormone reale e quindi l’accettazione.
Un efficace accorgimento consiste nello schiacciare la veccia regina sulla gabbietta che contiene la nuova, non si può dire che sia un metodo elegante però funziona.
Molti apicoltori sostituiscono le regine in primavera, questa pratica non è consigliabile in quanto le regine da sostituire già depongono fortemente ed il rischio di non accettazione è grande.
Il modo migliore di operare è invece la sostituzione in autunno, utilizzando regine allevate in luglio-agosto, in questa stagione le vecchie regine rallentano naturalmente la deposizione, producono meno ormone reale e gli alveari sono più disponibili all’accettazione.
Una Curiosità
Il maestro Abramo Andreatta, famosissimo apicoltore di Trento, usava introdurre le nuove regine attraverso il nutritore "Baravalle" dopo averle imbrattate di miele.

Vincenzo Stampa