Pappa Reale e Regine: Come Produrre con Metodo Semplificato

immagine di portasciami in assetto “grattacielo”.
Gli Apicoltori non stanno mai fermi, neanche con il pensiero. Sovente, partendo dagli insegnamenti che i più anziani tramandano ai più giovani ci si accorge che, nonostante la grande esperienza, c’è ancora qualcosa che merita modifiche migliorative. Nel campo dell’allevamento di api regine e della produzione della pappa reale , questa tendenza è ancora più spiccata perché si tratta di settori iper-specialistici e, soprattutto, perché sono in pochi a poter vantare un’ampia e consolidata conoscenza delle tecniche di conduzione. L’Apicoltore Fabrizio Nisi , produttore professionista nel Parco di Vejo, area protetta al nord di Roma, è tra quanti hanno sentito il bisogno di aguzzare l’ingegno per semplificare il proprio lavoro e renderlo, al tempo stesso, più produttivo. Si tratta di modificare un portasciami in polistirolo iperdenso, a sei telaini, tagliandone il fondo e sovrapponendolo ad un altro portasciami, sempre in polistirolo, al fine di creare un mini “grattacielo” all’interno del quale allevare due famiglie di api. Entrambi le arnie sono dotate di nutritore a tasca e sono separate da un normale escludiregina. La colonia sottostante è provvista di ape regina, mentre la colonia soprastante è orfanizzata, accudisce un telaino portainnesti con 60 cupolini suddivisi su tre stecche, potendone ospitare fino ad un massimo di 120. In questo modo le famiglie si confortano a vicenda scambiandosi calore e favorendo una migliore accettazione delle celle. Un altro importante vantaggio è rappresentato dalla facilità di spostare uno dei portasciami, piccolo e maneggevole, non eccessivamente pesante, per effettuare la rimonta delle api nel comparto orfano. Infine, rispetto al classico cassone, si ha un notevole risparmio economico rappresentato dai materiali con cui sono realizzati i portasciami. Un concreto esempio di come l’esperienza di ciascun Apicoltore meriti di essere messa al servizio di tutta la comunità apistica e condivisa, utilizzata nel comune interesse, ulteriormente ottimizzata. E voi, avete un trucco, un segreto, un consiglio da condividere? Se sì, è arrivato il momento di uscire dall’anonimato: fatevi avanti e sottoponetelo a federapi.biz che metterà il vostro sapere a disposizione di chiunque voglia evolvere la sua condizione di allevatore di api.