1953 - 2018Da oltre 60 anni al servizio dell'Apicoltura Italiana.

"Il mio non sol, ma l'altrui ben procuro."

Blocco della covata per ridurre l’impatto della Varroa

Immagine della gabbietta Scalvini
Il blocco della covata dell’ape regina, come biotecnica di controllo delle infestazioni da varroa, è un’idea che appassiona. Già all’inizio degli anni ’80 la FAI presentò, per prima, un telaino trappola per il confinamento dell’ape regina. Una tecnica messa a punto, allora, dal Dr. Raffaele Bozzi, di Serravalle Pistoiese (PT), che in quegli anni era attivamente impegnato in una capillare opera di sensibilizzazione degli Apicoltori italiani sui metodi – naturali e chimici – di controllo della varroa che stava infestando l’intero patrimonio apistico nazionale. Oggi, a distanza di venti anni, quell’idea è ancora valida e, con qualche perfezionamento, è stata riattualizzata da Apicoltori che hanno raccolto il testimone dei loro predecessori.

Al brevetto di Bruno Mozzato di Campodoro (PD), già presentato su federapi.biz e su APIMONDIA Italia, si aggiunge ora quello di Dante Scalvini, di Bagolino (BS) con diversi aspetti innovativi.  
La Gabbietta Scalvini attiva il blocco di covata in funzione anti-sciamatura, il blocco di covata estivo in funzione del trattamento tampone e il blocco di covata autunnale nelle zone dove non si assiste alla interruzione della covata: tutte condizioni che riducono sostanzialmente l’impatto della varroa e la conseguente efficacia dei trattamenti disinfestanti contro questo parassita ormai endemico in tutti gli allevamenti apistici.
Il brevetto Scalvini, certamente consigliabile per gli Apicoltori di piccola e media dimensione aziendale, appare adeguato anche per chi conduce allevamenti apistici di grande dimensione e intenda impegnarsi per una conduzione meno stressante degli alveari. Una soluzione, in ultima analisi, per ottenere prodotti apistici di qualità e privi di residui nocivi per la salute delle api e dell’uomo.
L’ennesima conferma, in conclusione, che controllare la varroa con le biotecniche è possibile e che in Italia le risposte giunte finora sono variegate e tutte meritevoli di essere adottate.